Experience-Fastlane-azienda-informatica

aggiornamenti software contro attacchi informatici

L’IT al centro delle aziende

Negli ultimi anni il modo di lavorare delle aziende è cambiato radicalmente, ne siamo tutti testimoni.

Sotto la spinta dell’innovazione tecnologica sono mutati strumenti, processi e abitudini di ogni tipo di azienda: produzione, servizi, retail… nessuna fa eccezione.

Come conseguenza di tutto ciò la tecnologia si è pian piano presa un ruolo di sempre maggior rilievo all’interno delle organizzazioni, tanto che si è arrivati al punto in cui se gli strumenti informatici non funzionano è impossibile generare fatturato per le imprese.

Possiamo quasi affermare che per tante imprese un PC è più importante di un ufficio: pensa a quante aziende sono state in grado (e lo sono tuttora) di continuare a essere operative anche quando i loro uffici erano inaccessibili a causa dei lockdown da Covid-19.

cosa accadrebbe alla tua azienda se domani PC, server e connettività fossero fuori uso? Con ogni probabilità ti ritroveresti a pagare personale e costi infrastrutturali e allo stesso tempo non riusciresti a produrre, vendere o fatturare nulla.

Ma cosa può portarti a una situazione del genere?

Sicuramente alluvioni, incendi, terremoti o altri disastri naturali sono tra le cause più evidenti e “rumorose”. Non esiste un incantesimo in grado di rimettere in funzione l’infrastruttura IT in uno schiocco di dita, qui l’arcano non c’entra nulla: ci vuole un piano di disaster recovery ben studiato e supportato dalla tecnologia adeguata.

Questo tipo di tecnologia è in grado di rimetterti in condizioni di lavorare in tempi ragionevoli. Di che tempi stiamo parlando? Dipende dalla soluzione tecnologica in uso e dall’efficacia del piano di ripartenza, oltre che da quanto sei disposto a investire per la protezione dei tuoi sistemi.

Ma non vogliamo soffermarci troppo su questo tema: ti invitiamo a contattarci per verificare quale possa essere la soluzione più adatta alle tue esigenze e per preparare un piano di ripartenza su misura.
 

Oltre i disastri naturali: il cybercrime

Oltre ai disastri citati in precedenza esiste un altro tipo di disastro, ben più subdolo, silenzioso e che non ha nulla a che vedere con le bizze di madre natura.

Ci sono, infatti, organizzazioni di cyber criminali che mirano a colpire aziende come la tua per ottenere dei profitti. Si tratta di un business, se così vogliamo definirlo, che globalmente muove miliardi di euro ogni anno ed è in costante crescita.

I cyber criminali spesso puntano a far girare nei sistemi aziendali dei virus chiamati “ransomware” o “cryptovirus” che sono in grado di rendere illeggibili e inutilizzabili tutti i file e i dati salvati su PC e server. Questo, di fatto, rende impossibile l’utilizzo di qualsiasi strumento informatico e l’accesso a database, CRM, software e file utilizzati per lavorare.

Dopo aver cifrato tutti i dati dell’azienda vittima, i cyber criminali richiedono un compenso in denaro per sbloccare i sistemi IT e renderli nuovamente utilizzabili. L’azienda vittima può scegliere se pagare questa cospicua somma di denaro, tuttavia non ha nessuna garanzia che i dati verranno resi leggibili in seguito al pagamento: dopo tutto stiamo parlando di cyber criminali, non di boy scout.

Ti stai chiedendo perché questi cyber criminali vogliono colpire proprio la tua azienda?

I cyber criminali prendono di mira chiunque: a volte studiano il bersaglio prima di attaccarlo, spesso pescano “a strascico” facendo partire delle vere e proprie campagne email malevole su un gran numero di contatti simultaneamente.

I piccoli hacker possono anche facilmente trovare in rete, nel dark web, dei virus “pronti all’uso” da poter veicolare secondo le modalità più disparate.

Molte volte questi attacchi si nascondono dietro file apparentemente innocui, come una (finta) fattura o un documento di un sedicente corriere.
I malviventi, all’interno di queste campagne email, generalmente fanno leva su sconti, pubblicità o altri argomenti a cui siamo tutti sensibili, con lo scopo di “farti cliccare”. Oppure si fingono un tuo fornitore o uno dei grossi brand da cui tutti comprano qualche prodotto o servizio, come Amazon, Google, Facebook, Microsoft e così via.

Potrebbe quindi bastare un click su una di queste email per installare un ransomware su tutti i tuoi sistemi.

Per funzionare, molto spesso, questi file malevoli sfruttano quelle che vengono definite falle di sicurezza. Ma come si creano i “buchi di sicurezza”?

Per prima cosa è molto importante affidare la sicurezza della tua infrastruttura IT a un professionista competente. Questi, attraverso l’uso di strumenti di sicurezza e protezione, farà in modo che la tua rete possa difendersi da alcune minacce informatiche.

Ma purtroppo questo non è sufficiente a mettere al sicuro i tuoi sistemi IT da tutti pericoli.
 

Vulnerabilità e patch

Gli strumenti che usiamo tutti i giorni per lavorare sono programmi creati da esseri umani. Si tratta di prodotti, quindi, non esenti da difetti e problemi: sono queste le falle che spesso sfruttano i cyber criminali.

Quando uno di questi difetti viene scoperto, il fornitore del software si preoccupa di rilasciare un aggiornamento correttivo quanto prima attraverso quelle che vengono definite “patch”. Nessuno fa eccezione: anche le più grandi e famose software house rilasciano in continuazione delle patch a causa di bug ed errori presenti nei propri prodotti.

E i cyber criminali non se ne stanno con le mani in mano: cercano furbescamente di sfruttare questi errori a proprio vantaggio per fare breccia nei sistemi IT, creare virus ad hoc e compiere le malefatte elencate in precedenza.

Qui abbiamo due possibili scenari:
• gli hacker si accorgono di una vulnerabilità e iniziano a sfruttarla: questo porta alcune aziende a cadere vittima dei loro attacchi prima che la vulnerabilità venga sistemata tramite una patch;
• i produttori di software si accorgono dell’errore e rilasciano prontamente una patch.

A questo punto potresti pensare che solo il primo scenario preveda delle vittime e che queste siano in numero limitato, visto che i produttori di software rilasciano quanto prima degli aggiornamenti correttivi.

Sbagliato! Nei casi di gravi vulnerabilità, entrambi i casi prevedono un gran numero di vittime.

Vediamo insieme come mai.
 

L’importanza degli aggiornamenti

Perché non basta che il vendor di turno rilasci una patch per essere al sicuro?

Le patch vengono rilasciate dal produttore, ma poi devono essere installate perché risolvano il problema sui sistemi impattati. E indovina un po’? La maggior parte delle aziende non installa le patch tempestivamente.

Quando un produttore di software che rilascia una patch sta, di fatto, annunciando al mondo che il suo software presenta un problema. Di conseguenza, anche se la vulnerabilità era fino ad allora ignota ai cyber criminali, questi possono prontamente mettersi all’opera per sfruttarla e colpire quante più aziende possibile.

Per tutto il lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione della patch correttiva e l’installazione di tale patch, quindi, la tua azienda corre dei rischi. Più passa il tempo, più i rischi aumentano!

Considera che, secondo un report del Ponemon Institute, il 60 % delle violazioni di dati, o data breach, avviene sfruttando vulnerabilità per le quali sono disponibili delle patch, ma queste non sono state installate.

Un’altra brutta abitudine delle aziende è quella di utilizzare versioni di applicazioni e sistemi operativi che non sono più supportate dal vendor che le ha prodotte. Se il vendor smette di supportarle significa che non rilascia più patch correttive, né aggiornamenti di nessun tipo: è come giocare alla roulette russa informatica!

Per cui è estremamente pericoloso se un utente, ignaro degli aspetti relativi alla sicurezza, pensa che il suo PC con Windows 7 vada bene solo perché riesce lavorare su un foglio di calcolo o a utilizzare le applicazioni che gli servono per lavorare. In questo caso occorre acquistare una versione del software più recente, e dunque supportata dal produttore, se non si vuole rischiare di ritrovarsi nei guai.

Ma le patch non servono solo a risolvere problematiche di sicurezza.

Infatti vengono rilasciati aggiornamenti anche per:
• risolvere blocchi o errori che si presentano durante l’utilizzo dei software;
• migliorare le performance del prodotto;
• aggiungere nuove funzionalità.

Quindi, installando gli aggiornamenti, ci si ritrova a usare un tool più performante, meno propenso a bloccarsi e “crashare”, con funzionalità aggiuntive e, non dimentichiamolo, più sicuro.
 

La soluzione per mitigare i rischi

Come avrai avuto modo di capire l’unica soluzione veramente efficace per mitigare i rischi dovuti alle vulnerabilità è installare le patch.

Ma non devi preoccupartene da solo, non è il tuo lavoro!

Chiedi aiuto a Fastlane, fornitore di servizi IT. Effettueremo un’analisi completa dei tuoi sistemi per capire qual è la situazione attuale e in quali aree intervenire con degli aggiornamenti.

Ma non solo: potremo elaborare un piano di installazione delle patch che capisca quali macchine sono più critiche rispetto ad altre e in quale modo debbano essere installati gli aggiornamenti. Tutte queste operazioni potranno essere tenute sotto controllo tramite appositi sistemi di monitoraggio.

Le operazioni di aggiornamento periodico potranno poi essere effettuate da remoto, in modo “invisibile”, così che tu e i tuoi colleghi non dobbiate interrompere il vostro lavoro per permettere a un tecnico di intervenire fisicamente su PC e server.

Per concludere, una volta riconosciuta l’importanza delle patch, è importante affidarsi a un fornitore che conosca la tua infrastruttura IT e sappia quando è il momento più opportuno per installare un aggiornamento e con quali modalità.
 

È possibile ridurre i costi dell’Information Technology?

La sicurezza della tua azienda deve essere garantita da tecnici professionisti sempre aggiornati sui nuovi pericoli e in grado di attuare tutte le procedure corrette per mantenere protetti i punti più a rischio della tua infrastruttura IT. Solo una analisi puntuale ed approfondita della situazione in essere può far emergere eventuali criticità.

Un partner affidabile come Fastlane può eseguire sia la parte consulenziale di analisi valutativa per determinare gli interventi utili, sia fornire il servizio Security e Infrastruttura dell’area IT che si occuperà della completa gestione del problema in modalità Managed Service Provider (MSP).
L’outsourcing dell’intera area IT, oppure anche di una parte di essa, è uno strumento affidabile ed economicamente vantaggioso per la gestione degli aspetti informatici aziendali.

Fastlane ha la soluzione per te, contattaci

CONTATTACI

Fastlane